Ha preso il via a Livorno la prima edizione del "Trittico Mediceo" una serie di gare di sciabola volte a rilanciare l'arma che ha registrato negli ultimi anni qualche diminuzione d'interesse in Toscana. Ottima, come ormai di consueto, la prestazione degli sciabolatori lucchesi della Puliti, allievi dei maestri Radoi e Torcigliani. 

Su tutti Giulia Iervasi che ha vinto la gara delle Allieve battendo in una finale tutta lucchese, Benedetta Fambrini. Una gara di grosso spessore, la sua, che l'ha portata a prevalere, a Livorno, sulla più titolata compagna di sala. In semifinale aveva avuto la meglio sulla livornese Andreanini mentre Benedetta si era imposta sulla livornese Monaldi.

Buona prova anche per Giacomo Gnech, che sta migliorando di volta in volta e si è aggiudicato la gara dei Maschietti davanti a Pietro Marchini e Carlo Ferrari.

Sul podio Niccolò Panconi, terzo tra gli Allievi, che dopo aver condotto una buona gara si è arreso al padovano Siviero e Lidia Radoi, terza tra le Giovanissime.

Ai piedi del podio sono rimasti Zaccaria Vincenzi che ha perso con il genovese Lazzaro giungendo quinto, e Matteo Matarazzo piazzatosi in settima posizione.

A margine del trofeo si è svolta anche ua manifestazione per i più piccoli (Prime Lame e Under 8) senza una classifica finale, a cui la Puliti ha partecipato con una decina di giovanissimi sciabolatori, allievi dell'istruttrice Chiara Sorbi.
Il club lucchese è finito al secondo posto d'onore nella classifica del Trofeo "125 anni di storia" vinto dal Fides, organizzatore. La seconda prova del trittico sarà organizzata dalla Puliti a San Leonardo in Treponzio il 19 febbraio. Prova conclusiva a Siena il 28 Maggio.